Home E Guida Turistica E SPIAGGE> CHIA>TERRITORIO 

prima pagina  | spiagge  | foto gallery  | la zona  | da fare  | di servizio  | fare la spesa 
fare shopping  | mangiar fuori  | vita notturna  | dormire  | case affitto 

CHIA E IL SUO TERRITORIO

  • dove: in provincia di Cagliari, comune di Domus de Maria
  • posizione: costa meridionale della Sardegna, fra Guardia de Is Morus (Nord) e Capo Spartivento. Da qui Cap Serrat e l’Africa distano appena 189 km
  • lunghezza del litorale: 9 km circa
  • centri abitati sul mare: Chia, che non è un comune a sè, ma un centro rurale  

La Zona
La zona di Chia, situata nella punta sud-ovest della Sardegna, si contraddistingue per l’armoniosa sintesi di natura e archeologia.

Sono circa 9 km di costa che vanno dalle pinete di Santa Margherita a Nord al Capo Spartivento, a sud.
Chia è una splendida località di mare, famosa soprattutto per le spiagge e le magnifiche dune ma anche per le rovine della città di Bithia, la testimonianza più importante della presenza fenicio-punica nella zona.

Dietro la costa c’è una campagna segnata dalla mano dell’uomo e ricca di connotazioni paesistiche : vigne, orti e frutteti, stradine che si diramano verso piccole bianche casette ombreggiate da giganteschi alberi di fichi.

Nell’entroterra, uno dei più belli e vari della Sardegna, tra monti e rocce granitiche si estende la riserva naturale di Is Cannoneris, una delle più vaste dell’isola.

La Natura
Dal promontorio di Torre di Chia, attraverso gli stagni e le rovine dell’antica Bithia, verso la scogliera di Capo Spartivento e il porto di Teulada, possiamo apprezzare un continuo susseguirsi di splendide spiagge di sabbia chiarissima, mare cristallino, dune, insenature, isolotti e calette.

Uno scenario quasi caraibico a cui fa da contrappunto l’entroterra montuoso del territorio di Domus de Maria, il piccolo centro sfiorato dal Rio Mannu, il fiume lungo il quale crescono rigogliosi gli oleandri.

Verso nord, oltre il rivo, le dolci colline salgono verso i monti boscosi in cui è possibile osservare il cervo sardo, i daini e i cinghiali: lì, l’ambiente boschivo è costituito prevalentemente da lecci, macchia mediterranea ed erica arborea.