Home E Un’Isola un Continente E LE FORME DEL TERRITORIO SARDO>FIUMI E LAGHI IN SARDEGNA 

coste  | deserti&lagune  | pianure  | altipiani  | monti  | fiumi&laghi | isole 

I FIUMI E I LAGHI DELLA SARDEGNA

I corsi d’acqua sardi hanno carattere prevalentemente torrentizio.
Il fiume più lungo è il Tirso (150 km): nasce nell’altopiano di Buddusò (SS), scorre verso sud-ovest fra la catena del Marghine e il Gennargentu, attraversa la parte più settentrionale del Campidano e sfocia nel golfo di Oristano.

Il corso del Flumendosa (127 km) è più breve di quello del Tirso, ma la portata di questo fiume è superiore. Il Flumendosa nasce sul Gennargentu, attraversa l’Ogliastra, la Barbagia, il Sarcidano, il Sarrabus e sfocia sulla costa orientale nei pressi di Muravera (CA).

Altri corsi d’acqua, meno importanti, sono il Cedrino, che sfocia sulla costa orientale presso Orosei (NU); il Mannu-Coghinas che sfocia nel Golfo dell’Asinara; il Temo che sfocia sulla costa occidentale presso Bosa (NU) ed è l’unico fiume navigabile, anche se solo per pochi chilometri, della Sardegna.

I laghi in Sardegna sono tutti artificiali: derivano dallo sbarramento del corso dei fiumi con vari tipi di dighe. I più importanti sono il lago Omodeo, sul Tirso, e i laghi dell’Alto e del Medio Flumendosa.

L’unico lago naturale, di modeste dimensioni ma di grande interesse naturalistico, è il lago Baratz presso Alghero.